Lista Desideri
  
Menu

Come miscelare le tinte per capelli e ottenere risultati eccellenti

Come miscelare le tinte per capelli e ottenere risultati eccellenti

Miscelare le tinte per capelli è una procedura che richiede, oltre che la massima attenzione, anche una certa precisione nello scegliere i toni adatti e nel dosaggio delle parti da miscelare. È proprio questo dettaglio a fare la differenza tra i professionisti che esercitano il mestiere di parrucchiere, e ovviamente i risultati che ne conseguono sono frutto di questa abilità. Mescolare i colori per capelli è dunque una tecnica che va eseguita con cura per ottenere il giusto tono e il riflesso desiderato. Ecco alcuni suggerimenti e consigli su come miscelare le tinte per capelli e ottenere eccellenti risultati!

Come miscelare tinta e ossigeno

Per ottenere un perfetto risultato è necessario fare attenzione a come dosare tinta e ossigeno. La domanda più frequente che viene posta in questi casi è: quanta tinta e quanto ossigeno occorrono per una dosatura corretta? In genere il rapporto per la miscelazione delle due componenti è di 1:1, il che vuol dire che la tinta e l'acqua ossigenata vanno miscelati nella stessa misura. Dunque, se devi utilizzare 25 ml di colore per la ricrescita devi aggiungerne 25 di acqua ossigenata. Ma il rapporto di miscelazione varia a seconda della casa produttrice, quindi è necessario controllare sempre le informazioni riportate sulla confezione per essere sicure del dosaggio da rispettare. Altri dosaggi che puoi riscontrare nel miscelare tinta professionale e ossigeno possono essere i seguenti:

  • Rapporto di miscelazione 1:1,5 – in questo caso la quantità di colore deve essere moltiplicata per 1,5 così da ottenere i millilitri di acqua ossigenata. Un esempio: se ti servono 25 ml di colore per coprire la ricrescita devi aggiungere 37,50 ml di acqua ossigenata.
  • Rapporto di miscelazione 1:2 – Questa indicazione in genere la trovi nelle tinture molto schiarenti e per calcolare la dose giusta devi solo raddoppiare la quantità di colore utilizzato per trovare quella di acqua ossigenata. Ad esempio, se utilizzi 100 ml di tintura devi aggiungere 200 ml di acqua ossigenata.

Come miscelare la tinta per capelli

Come miscelare una tinta per capelli ed essere sicuri di ottenere il colore desiderato? Mescolare le tinte per capelli sembra un’operazione da svolgere in modo rapido e semplice, ma in realtà è un processo che richiede una buona concentrazione e anche una specifica preparazione. Per cominciare, è bene sottolineare che le tinte per capelli dovrebbero essere preparate dopo aver effettuato un’analisi dei capelli della cliente e aver individuato il trattamento da eseguire. Infatti, la differenza dello spessore dei capelli si riflette nel risultato finale: la stessa tinta applicata su capelli sottili risulterà più scura che se applicata su capelli più spessi.

E allora, come miscelare una tintura per avere il colore prefissato? Bisogna considerare anche altri fattori per avere un risultato che sia il più possibile vicino a quello desiderato: ad esempio, bisogna tenere conto di quanti capelli bianchi sono presenti, del grado di porosità della chioma e anche del tipo di tintura utilizzata. Ad ogni modo, la procedura è pressoché uguale per tutte le tinte e quindi, dopo aver procurato la vaschetta dove mescolare le due componenti, i guanti e il pennello, puoi procedere con il dosaggio di ossigeni e attivatori e della tintura, avendo cura di proseguire subito dopo con l’applicazione del composto ottenuto sui capelli.

Come miscelare i colori per capelli

Quando si devono mischiare tinte per capelli, bisogna tenere a mente che i colori vanno miscelati in base al tono che si desidera ottenere e al colore naturale o tinto dei tuoi capelli. È possibile miscelare due tinte per capelli per ottenere il tono desiderato e creare look unici e personalizzati, ma ricorda sempre di rispettare il rapporto di miscelazione indicato nella confezione. Ogni marca, infatti, indica un tipo di rapporto che può essere diverso da un’altra marca. Inoltre, bisogna anche tenere conto delle singole nuance consultando la cartella colori e scegliendo quelle più adatte per ottenere la sfumatura desiderata.

Per miscelare le tinte per capelli e avere sempre la sfumatura uguale a quella realizzata, ricorda di identificare il numero del colore in base alla marca del prodotto: ti servirà quando dovrai ritoccare la ricrescita. Miscelare le tinture per capelli, specialmente se si tratta di due tinte, è comunque un’operazione delicata e bisogna conoscere le varie colorazioni per essere sicuri di ottenere un buon risultato. Per questo motivo è consigliabile che questa operazione sia eseguita da un professionista.

Come scegliere il colore di tinta per capelli più adatto a te

Se hai la pelle chiara, con sottotono rosa, scegli una tinta tendente al biondo con riflessi freddi, cenere oppure con riflessi miele per un effetto delizioso. Se invece la tua pelle è di colore olivastro, puoi scegliere una tinta più scura, con riflessi sul rosso o sul ramato. Anche il castano e il nero andranno bene.

Per saperne di più, leggi il nostro articolo: "Come scegliere il colore dei capelli in base alla carnagione?"

Come applicare una tinta per capelli

Prepara il colore e poi procedi all’applicazione, distribuendo il prodotto in modo uniforme su tutta la lunghezza del capello se devi fare una tintura completa, oppure solo sulle radici se devi coprire la ricrescita. Lascia agire la tinta per il tempo indicato sulla confezione. Se invece hai fatto in precedenza una colorazione e desideri mantenere un colore simile applica prima la tinta sulla ricrescita dei capelli e lascia agire per circa 15 minuti, poi applica il colore anche sulle lunghezze e tieni fino a raggiungere il tempo di posa totale. Se invece vuoi cambiare completamente colore, puoi seguire queste indicazioni:

1. Se vuoi un colore più scuro, puoi scegliere una colorazione tono su tono o una colorazione permanente della nuance desiderata. Per ottenere il colore ideale dovresti scurire gradualmente, quindi, se hai i capelli biondo chiaro e desideri farli diventare castano scuro devi scurire a poco a poco al massimo di due toni. In questo modo, nel giro di qualche mese, puoi ottenere il colore scuro desiderato.

2. Se invece desideri schiarire i capelli, devi usare un decolorante e poi rifare una colorazione tono su tono (o permanente nel caso in cui i tuoi capelli siano quasi tutti bianchi).

Vai all'articolo precedente:Balayage: come si fa? Scopriamo di più su questa tecnica!
Vai all'articolo successivo:Come togliere la tinta per capelli dalla pelle
Commenti:
1
    Lucia
    11/09/2018 14:52
    Salve, vorrei un piccolo aiuto per coprire i miei capelli grigi senza ottenere l'effetto silver sulle radici. Ieri ho miscelato due colori, 30 ml di castano chiaro naturale , 20 ml di castano chiaro dorato e 50 ml di ossigeno. Il risultato è stato che le radici sono venute come ho scritto prima , di color silver. Mi chiedo dove ho sbagliato. Spero che possiate aiutarmi a risolvere questo piccolo inconveniente . Vi ringrazio anticipatamente.
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Assicurati di spuntare la casella "Non sono un robot" per inviare la richiesta
LoginAccount
Torna su
Cookie Image